Area Archeologica La CumaT A U ‘15

T e a t r i A n t i c h i U n i t i

domenica 12 luglio, ore 19

ENZO CURCURÙ in

ARISTOFANE SHOW!

drammaturgia e traduzione scenica Alessandro Grilli

regia di Enrico Zaccheo

“Mai otterrai che il granchio cammini diritto”

Aristofane

Una bugia fa in tempo a viaggiare per mezzo mondo mentre la

verità si sta ancora mettendo le scarpe

Mark Twain

Come un giornale umoristico rappresentato, Aristofane passa in rassegna tutti gli argomenti e i problemi della vita pubblica del tempo suo. Amico del sentimento popolare, pacifista, ostile al governo, inquadra con irridente lucidità le beffe e gli atti più violenti dei suoi contemporanei: da qui la sua grande attualità. Ed è per questo che ci domandiamo: Aristofane, chi? O per spiegarci meglio: noi uomini del 2015 siamo così simili ai greci antichi? Oppure la satira civile di Aristofane è ancora così pungente da fornirci efficaci strumenti per leggere le ingiustizie della nostra complicata società? Come un detective, insieme al pubblico, in un comico percorso, pediniamo Aristofane che, parlando della Grecia antica, fra poeti, giudici e puttane, ci parla di noi. E rimane il dubbio che, come ne Le nuvole, la nostra realtà sia una beffa, un bizzarro esperimento combinato da pochi, i cui risultati portano dei benefici sempre ai soliti arci-noti che si arricchiscono alla faccia della gente che lavora. E così la guerra, che per Aristofane è uno stratagemma di pochi per far soldi col sacrificio dei molti che la combattono e ne subiscono le dolorose conseguenze. I grandi protagonisti di Aristofane, con trovate iperboliche e battute comiche, ci portano nel loro mondo mossi dalla ricerca della felicità nel quotidiano dell’uomo: una casa, una donna con cui fare l’amore, del cibo, la terra da lavorare. Lasciandoci condurre dall’autore ci si rende conto di quanta saggezza la commedia antica ci regali, facendoci sorridere sulla nostra ottusità, ridendo fra noi, di noi. Oppure come direbbe il grande Charlie Chaplin “la vita non è una tragedia in primo piano, ma una commedia in campo lungo”.

Annunci