Sabato 20 e domenica 21 ottobre tra storia, gastronomia e tradizione torna a Monte Rinaldo l’iniziativa Tipicità e Archeologia, organizzata dalla sinergia tra Comune e pro loco Cuma.
L’apertura è affidata alla collaborazione tra Università di Scienze Gastronomiche di Bra e Condotta Slow Food Fermano, sabato alle 17.30. Dalle 18 sarà aperta la mostra fotografica “Sessant’anni dai primi scavi Monte Rinaldo – La Cuma”, realizzata per ricordare la prima campagna di scavo presso l’area archeologica. Allestita presso la “Bottega Nunzi”, nella piazza centrale del paese è curata da Tiziana Capriotti, dell’Università di Camerino. Propone una parte della ricca documentazione fotografica presente nell’archivio della Soprintendenza con scatti a partire dal 1957, anno dei primi ritrovamenti e dei primi saggi di scavo per arrivare poi agli scatti degli anni ’70 quando si conclusero i lavori di musealizzazione delle strutture. Il locale, in pieno centro storico, conterrà arredi originali risalenti al periodo storico dei primi scavi, per meglio contestualizzate le foto. Mostra aperta anche domenica 21 ottobre dalle ore 10 a mezzanotte.
Dalle 18.30 si potrà partecipare a “Cibi, ricette e gusto nella cucina antica”, show cooking con lo chef Enrico Mazzaroni che proporrà anche un racconto sul tema della cucina in età romana. Serata conclusa con la musica dal vivo del gruppo “Folkappanka bifolk band”.
Domenica 21 ottobre, accanto alla mostra mercato di prodotti tipici e artigianato, la piazza ospiterà un raduno di moto d’epoca. Nella mattinata e nel pomeriggio verranno allestiti dei laboratori per bambini presso il Cumalab a cura dell’Associazione Il Sorriso di Stefania . Dalle ore 11.30 alle 12.30, i piccoli potranno prendere parte a Anche da un fiore gigante nasce da un piccolo seme”.
Dalle 14.30 alle 15.30 il laboratorio per bambini si intitolerà “…e ancora arriverà l’autunno”Anche domenica a pranzo saranno aperti gli stand gastronomici con prodotti tipici quali fagioli con le cotiche, polenta, braciole di maiale, salsicce, fegatelli, patatine, olive all’ascolana, pizzette fritte, frittelle, dolci tipici, castagne e vino. Alle 15.00 il gruppo “La racchia di Sarnano” porterà il suo spettacolo di musica e animazione. Importante anche la valorizzazione del patrimonio storico-artistico e archeologico conservato a Monte Rinaldo. Sia sabato che domenica, infatti, saranno possibili visite guidate del santuario ellenistico romano presso l’area archeologica La Cuma.

 

 

Annunci